martedì 15 giugno 2010

Bastardi & senza gloria

[Militant ha sgamato fra gli insigniti del titolo di "martiri delle foibe" un partigiano ammazzato dai nazifascisti e probabilmente sepolto in Slovenia.
La storia di Antonio Ruffini è indicativa di quali menzogne ci siano alla base degli attacchi alla Resistenza. E sembra che Militant abbia individuato un filone interessante...]


Elio Monari era un prete modenese, ed era anche giovane.
Durante il fascismo partecipò a diverse azioni rocambolesche per aiutare partigiani e fuggiaschi. Nella chiesa di San Biagio nascose ebrei e perseguitati politici.

Nel febbraio del 1944 ha la milizia alle costole, la su attività ha destato sospetti.
Imbraccia le armi, sale sui monti e combatte al fianco delle brigate partigiane.

Tanti ragazzi della sua età hanno fatto quella scelta. Probabilmente l'essere prete non lo rende immune dal contagio.

La sua brigata è la “Brigata Italia”. Brigata “bianca”, di quelle d'ispirazione cattolica.
Concepita nella Repubblica di Montefiorino, però: uno dei primi esempi di autogoverno territoriale contro la dittatura nazifascista.

Ma forse don Elio per le armi non era proprio portato, chissà se fu questo il motivo per cui divenne cappellano della brigata.

O magari era una prete guerrigliero, armato di fede e sten a reagire alle raffiche nazifasciste.

Probabilmente non lo sapremo mai.

Fatto sta che Elio era buono, troppo.

Dopo uno scontro a fuoco vede un tedesco gravemente ferito. Esce allo scoperto e cerca di dargli l'estrema unzione.

O esce allo scoperto, la tonaca al vento, lo sten in pugno: “Questi sono per i bambini morti nel rastrellamento, pezzo di merda! - RRRTTATATTATATTATA' - Che il Signore ti benedica”. E poi gli dà l'estrema unzione.

Comunque siano andate le cose a Elio lo beccano i tedeschi, lo arrestano e se lo portano a Firenze.

Il suo corpo non verrà mai trovato.

Pare sia stato torturato a "Villa Trieste" e ucciso da quelli della banda Carità, alcuni fra gli esseri più ripugnanti e sanguinari al servizio del fascismo.

Per alcuni don Elio Monari potrebbe essere santo, o quantomeno beato.
Per altri potrebbe essere un eroe.

Non sappiamo quale di queste cose avrebbe voluto essere lui (propenderei per il Santo), ma sicuramente non avrebbe voluto che la sua storia fosse raccontata al contrario.

Ragionpolitica.it, invece, nel 2005 lo inserisce in una lista di preti morti per mano dei partigiani: “Sacerdoti vittime del comunismo. Martiri dell'oblio”

Un torto più grave non si può fare a un uomo del genere, santo o guerrigliero che fosse.

Sul sito vicino al Popolo delle Libertà è scritto testualmente:

Don Elio Monari - assistente G. maschile. Ucciso dalla banda "Carità" nel modenese.

Uno che non sa chi sono quelli della banda Carità può pure pensare che 'sti fetenti so' partigiani. Elio sta in una lista di preti uccisi dai comunisti, no?
Fanno passare quell'ammasso putrido di canaglia assassina per partigiani.
E il morto, che era un partigiano, per vittima dei suoi stessi compagni.

Un'operazione spregevole.

E don Elio Monari è solo il caso più eclatante in quella lista.

I preti uccisi dai fascisti e dai nazisti inclusi in “Sacerdoti vittime del comunismo. Martiri dell'oblio” son ben 25, su 121: più di un quinto.

Tutti e venticinque sono di origine emiliano romagnola. In tutta la lista ci sono cinquantadue preti provenienti dall'Emilia Romagna.
La metà sono stati uccisi dai nazifascisti, ma ragionpolitica.it sostiene tutt'altro.

Qui sotto la lista delle memorie profanate. Il link rimanda alla storia della persona. Una storia scritta da il mascellaro, un sito di ispirazione cattolica che ragionpolitica.it cita tra le sue fonti. In realtà la fonte di ragionpolitica.it è il libro "L'Emilia ammazza i preti" di Lorenzo Bedeschi. Un testo del '52 dal quale ragionpolitica.it si è limitata a copiare nomi, senza curarsi di chi fosse realmente il carnefice.


Don Medardo Barbieri

don Giuseppe Borea

don Pasquino Borghi

don Umberto Bracchi

Padre Martino Capelli

don Elia Comini

don Ferdinando Casagrande

don Francesco Delnevo

don Giuseppe Donadelli

don Giuseppe Donini

don Giovanni Fornasini

don Antonio Lanzoni

don Ilario Lazzeroni

don Ubaldo Marchioni

Don Ildebrando Mezzetti

don Elio Monari

don Natale Monticelli

don Settimio Patuelli

don Luigi Pelliconi

don Battista Pigozzi

don Pietro Rizzo

don Mario Ruggeri

don Alessandro Sozzi

don Italo Subacchi

don Mario Turci

E' curioso notare come anche il mascellaro contribuisca a fare confusione.
A proposito di don Luigi Pelliconi e di don Settimio Patuelli dice:

Don Luigi Pelliconi e don Settimio Patuelli sono stati ammazzati per motivi opposti e dallo schieramento avverso

In realtà, come si legge il rigo dopo, sono stati ammazzati entrambi dai tedeschi.

1 commenti:

Paolo Zignani 22 giugno 2010 12:17  

grazie per averlo scritto!

Posta un commento


Blog sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported

Il template di Punco è liberamente ispirato a The Professional Template ideato da Ourblogtemplates.com

Back to TOP